Stampe casalinghe

Qui tutti gli interventi che riguardano stampanti, carte, profili, flussi lavoro ecc ecc

Moderatori: Riccardox, Emilio Vendramin, Massimiliano Liti, Sergio Frascolla, Michele Azzali, Marco Pampaloni

Rispondi
Avatar utente
medio
Messaggi: 45
Iscritto il: ven ott 18, 2013 2:56 pm
Località: Parma

Stampe casalinghe

Messaggio da medio » ven mar 19, 2021 7:10 pm

Ben ritrovati a tutti.
E' da settimane che mi sta balenando l'idea di comprare una stampante per le mie foto (uso una Leica M9, scatti in RAW e sviluppo con Lightroom, sia BN che colore) che altrimenti rimarrebbero sempre imprigionate nell'HDD del Mac..... l'idea, per cui chiedo i vostri commenti ed esperienze, è quella di limitarmi al medio-piccolo formato (per stampe di book etc.) e riservare i formati più seri ai servizi professionali (fotografo o WhiteWall che sia).
Detto questo, pensate che la soluzione migliore sia una stampante a sublimazione tipo Canon CP1300 (con formato max 10x15) o ritenete che una int-jet (che amo poco a dire il vero per le foto) possa essere più consigliabile?
Sbaglio approccio?
Grazie per i vostri interventi e ciao!
Alberto
Alberto

Avatar utente
Michele Azzali
Site Admin
Messaggi: 6566
Iscritto il: mer mag 02, 2007 10:39 am
Località: Trento
Contatta:

Re: Stampe casalinghe

Messaggio da Michele Azzali » sab mar 20, 2021 11:49 am

medio ha scritto:
ven mar 19, 2021 7:10 pm
Sbaglio approccio?
Non del tutto ma, secondo me, è necessario "far mente locale". Hai una Leica digitale (un'ottima M9), scatti in DNG, tratti i file con Lightroom con tutti i vantaggi che questo comporta soprattutto in termini di stampa, limitarsi a stampare in 10x15 mi sembrerebbe uno spreco...
Considera che, indipendentemente dal tipo di stampante che prenderesti, dovresti installarla, configurarla, imparare ad usare i profili ecc., insomma imparare a stampare in digitale: ti assicuro che non è sufficiente azionare il comando "print". Senza contare che ogni fotogramma ha bisogno delle sue piccole correzioni. A quel punto, cioè superato tutto lo "sbattimento", stampare in piccolo o in grande non fa molta differenza (a parte i costi...).

Voglio dire che se uno decide di darsi alla stampa deve dedicarle del tempo, non è una cosa "facile e veloce". Per cui, sempre secondo me, o uno stampa o non stampa, e questo vale sia per la filiera analogica che per quella digitale.
Se ti interessa stampare in 10x15 la maggior parte dei tuoi scatti, riservando maggiori dimensioni solo a quelli migliori, forse conviene inviare i file DNG ad un servizio di stampa, non spenderai di più (importante) e risparmierai tempo.

D'altro canto, se vuoi la soddisfazione di fare tutto tu, di sperimentare, di confezionare album e libri, di incorniciare, ammirare e far ammirare... buttati! E' una passione meravigliosa, raffinata seppure costosa, ma dopo un po' di pratica ottieni risultati migliori di qualsiasi laboratorio, soprattutto in BN.
Alla Whitewall stampano su acrilico, su metallo, pannelli in forex (cosa che per un fotoamatore non è possibile), ecc., anche col sistema lambda, ma le loro stampe di alta qualità sono inkjet...
http://www.photomaz.com/
https://www.instagram.com/photomaz59/
Nessuno accenderà il computer del nonno, ma tutti apprezzeranno quelle vecchie stampe saltate fuori da un cassetto...

Avatar utente
giampo
Messaggi: 1810
Iscritto il: mer mag 29, 2013 4:51 pm
Località: Bormio

Re: Stampe casalinghe

Messaggio da giampo » dom mar 21, 2021 2:05 am

Primo consiglio: ha detto benissimo Michele, imparare a stampare bene, o meglio abbastanza bene, non é immediato, richiede un pi di tempo.
Scrivendo che le stampe grandi le faresti fare bene in laboratorio, se intendi che le piccole anche se non riescono benissimo, pazienza.... Allora ti consiglierei di fare anche e soprattutto quelle piccole in laboratorio, perché oltre a venire bene, ti costerebbero anche MOLTO meno, che stampartele tu.
La stampa casalinga ha un grande vantaggio economico solo sui formati grandi, ed in particolare se si usano carte belle (fine art).
Ink jet qualitativamente parlando, in questi contesti non é neppure paragonabile alla sublimazione.
Dimitri

E se ogni cosa fosse un’illusione e nulla esistesse? In questo caso io sicuramente ho pagato troppo la mia macchina fotografica. (Woody Allen adattato)

Rispondi