Paterson degli anni sessanta

si parla di pellicole, processi, materiali, attrezzature, sviluppo, stampa, fotografia analogica

Moderatori: Riccardox, Emilio Vendramin, Massimiliano Liti, Marco Pampaloni, Michele Azzali, sergio frascolla

Avatar utente
prabolin
Messaggi: 202
Iscritto il: mer feb 17, 2010 7:53 pm
Località: valle di fiemme trentino
Contatta:

Paterson degli anni sessanta

Messaggioda prabolin » ven set 15, 2017 10:28 pm

Salve Amici, grande sorpresa oggi nel ritrovare parte dell'attrezzatura che fu di mio nonno (fanatico della Leica IIIC con tendina rossa ecc.) tra la quale attrezzatura anche la tank che usava per lo sviluppo: una Paterson universal3 perfettamente conservata nella sua scatola rossa con le istruzioni datate 1963 assieme ad un foglietto dal quale si deduce che come sviluppo usava l' AgfaFinal.
La tank, a differenza di quella che uso io, è veramente costruita bene, con spessori degni di questo nome e chiusa da un coperchio a vite che certamente non perde, per non usare altro termine volgare, ad ogni ribaltamento; quello che mi lascia perplesso, invece, è che ad ogni passaggio dei chimici si debba per forza di cose svitare il coperchio per vuotare rivelatore ed in sequenza il resto.
Domanda: ma una volta raggiunto il tempo di sviluppo voluto, non è pericoloso aprire alla luce per lo svuotamento? Oppure il nonno effettuava la manovra in camera oscura per il successivo arresto e fissaggio?
Chiedo perché mi piacerebbe rimetterla in funzione.
Grazie a chi vorrà illuminarmi.

roberto

Avatar utente
Ivan61
Messaggi: 2816
Iscritto il: mar mar 22, 2016 1:35 pm
Località: Merano
Contatta:

Re: Paterson degli anni sessanta

Messaggioda Ivan61 » sab set 16, 2017 11:56 am

Credo che effettuasse le operazioni in Camera Oscura, la thank a tenuta di luce senza tappo credo sia degli anni 70, ma non ne ho certezza quindi ovviamente va aperta sempre al buio fino al bagno di arresto ultimato

FeliX
Messaggi: 726
Iscritto il: gio mag 19, 2016 5:36 pm

Re: Paterson degli anni sessanta

Messaggioda FeliX » ven set 22, 2017 4:54 pm

E certo che è pericoloso, anzi letale :D
Ovviamente se la tank non è a tenuta di luce, tuo nonno quando cambiava i chimici lo faceva al buio.
Felice

Avatar utente
Michele Azzali
Site Admin
Messaggi: 5910
Iscritto il: mer mag 02, 2007 10:39 am
Località: Trento
Contatta:

Re: Paterson degli anni sessanta

Messaggioda Michele Azzali » sab set 23, 2017 11:31 pm

Io ti posso solo confermare che la tank a tenuta di luce, cioè da riempire e svuotare alla luce, grazie al "percorso a labirinto" dei liquidi, esisteva alla fine degli anni '70 (sicuramente nel '79, anno di acquisto della mia Paterson System 4) ma veniva propagandata come una grande novità.
"Nessun'isola è un uomo". (O era il contrario? Boh...)
http://www.photomaz.com/

Avatar utente
prabolin
Messaggi: 202
Iscritto il: mer feb 17, 2010 7:53 pm
Località: valle di fiemme trentino
Contatta:

Re: Paterson degli anni sessanta

Messaggioda prabolin » dom set 24, 2017 8:26 am

Grazie per le risposte Amici; in realtà simulando uno sviluppo ho scoperto proprio la presenza di una specie di "doppiofondo" nel coperchio della tank, un labirinto come dice Michele, in virtù del quale escono i chimici senza che si debba svitarlo.
Il guaio, però, è che così ho anche scoperto che la guarnizione di tenuta tra coperchio e tank negli anni ha perso la sua funzionalità... e quindi non mi rimane che usare la tank come splendido fermacarte e pensare a quante volte sono passato li dentro immortalato nei rullini del nonno quand'ero pargolo!

roberto

Avatar utente
marcotiri
Messaggi: 12
Iscritto il: dom lug 22, 2007 10:46 pm
Località: Legnano (Mi)
Contatta:

Re: Paterson degli anni sessanta

Messaggioda marcotiri » ven set 29, 2017 6:19 pm

Io ho iniziato a sviluppare negativi con una paterson nel 1972 ed era a tenuta di luce... :D
..."Il fiore si nasconde nell'erba, ma il vento sparge il suo profumo"...
Rabindranath Tagore

http://marcotiri58.500px.com/

Avatar utente
antonio cauc
Messaggi: 644
Iscritto il: mer set 22, 2010 3:44 pm
Località: Salerno

Re: Paterson degli anni sessanta

Messaggioda antonio cauc » mar ott 31, 2017 10:03 am

Buondì, qualcuno mi può dare delle delucidazioni sulle sviluppatrici della jobo? Grazie a tutti.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
ciao Antonio

Lo scatto è il congelamento di un istante

ric1854
Messaggi: 63
Iscritto il: lun lug 09, 2007 10:41 pm
Località: PIETRASANTA

Re: Paterson degli anni sessanta

Messaggioda ric1854 » sab nov 17, 2018 5:44 pm

Uso tank Paterson e Jobo. Sono entrambi prodotti validi. La Jobo consente di usare 250 cc invece di 300 cc per un film 135. La filosofia delle spirali è diversa, nelle Paterson il film entra nella spirale grazie all'attrito che si crea tra il film e una sferetta in acciaio che preme sul film a ogni rotazione reciproca delle due metà che costituiscono la spirale. La Jobo ha un sistema meno "meccanico". Anche qui la spirale è suddivisa in due metà che ruotano fra di loro però la pellicola viene resa solidale alla spirale senza sferette o latro, è la pressione esercitata dalle dita sul film che consente l'inroduzione di questo nella spirale. Sono due sistemi entrambi cvalidi. Forse occorre un pò più di pratica con le Jobo.


Torna a “CAMERA OSCURA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite