PANF 50 e Ars Imago

si parla di pellicole, processi, materiali, attrezzature, sviluppo, stampa, fotografia analogica

Moderatori: Emilio Vendramin, Riccardox, Massimiliano Liti, sergio frascolla, Marco Pampaloni, Michele Azzali

Avatar utente
Ivan61
Messaggi: 2240
Iscritto il: mar mar 22, 2016 1:35 pm
Località: Merano
Contatta:

PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ivan61 » mer set 13, 2017 10:22 am

Buongiorno ho una Ilford PANF 50 ISO esposta alla sensibilità nominale, in questo momento in casa ho solo sviluppo Ars Imago e RD09, per una sola pellicola mi scoccia ordinare uno sviluppo ad hoc quindi pensavo di usare Ars Imago.
Considerando che la PANF è sempre una brutta bestia da sviluppare mi consigliate i tempi del bugiardino o di modificare qualcosa?
Forse è utile specificare che ho scattato con un Elmar 50 degli anni 30 quindi abbastanza morbido

Grazie

Avatar utente
prabolin
Messaggi: 192
Iscritto il: mer feb 17, 2010 7:53 pm
Località: valle di fiemme trentino
Contatta:

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda prabolin » mer set 13, 2017 11:07 am

Buongiorno a Te Ivan, non conosco i chimici di ArsImago ma con la PanF uso sempre proprio il Rodinal, sviluppo normalmente con diluizione 1_50 a venti gradi per 11 minuti, 9.30 quando il rullo è esposto con scene contrastate.
Non credo sia il tipo di obiettivo a determinare l'entità dello sviluppo quanto piuttosto la differenza di contrasto delle scene impresse; ... è la mia opinione, naturalmente!

roberto

Avatar utente
Ottavio_Colosio
Messaggi: 3493
Iscritto il: lun feb 14, 2011 10:12 pm
Località: Bergamo/Milano

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ottavio_Colosio » mer set 13, 2017 1:30 pm

In quali condizioni di luce hai scattato? Esposto per le ombre?
Intendo se all'aperto o al chiuso, sole o nuvoloso..la PANf50 come tutte le pellicole a bassa sensibilita', ha un contrasto piuttosto alto, quindi se usata in pieno sole tende a fornire risultati piuttosto ostici.. . Tieni conto che la sensibilita' effettiva e' ben al di sotto della meta' dichiarata.
L'ideale sarebbe il Perceptol ma in sua mancanza l'FD Ars potrebbe andare..bisogna capire in che condizioni di luce hai scattato..cosa intendi per RD09?
La famiglia R09 e' piuttosto larga,,
Saluti

Ottavio

____________________

Matematicamente parlando, la fotografia e' un'applicazione lineare da R3 in R2

Avatar utente
Riccardox
Moderatore
Messaggi: 7091
Iscritto il: mer mag 07, 2008 2:41 am
Località: Trieste

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Riccardox » mer set 13, 2017 2:34 pm

Ivan61 ha scritto:
Forse è utile specificare che ho scattato con un Elmar 50 degli anni 30 quindi abbastanza morbido.

Caro Ivan l'Elmar50 è un tripletto molto contrastato non credo proprio si possa definirlo morbido a meno di non avere un esemplare affetto da velature o altro.
Riccardo
riccardox.2@libero.it
http://riccardomasi.tumblr.com/

I work by impulse. No philosophy. No ideas. Not by the head but by the eyes.
Instinct is the same as inspiration.

Manuel Alvarez Bravo

Avatar utente
Ivan61
Messaggi: 2240
Iscritto il: mar mar 22, 2016 1:35 pm
Località: Merano
Contatta:

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ivan61 » mer set 13, 2017 3:39 pm

Riccardox ha scritto:
Ivan61 ha scritto:
Forse è utile specificare che ho scattato con un Elmar 50 degli anni 30 quindi abbastanza morbido.

Caro Ivan l'Elmar50 è un tripletto molto contrastato non credo proprio si possa definirlo morbido a meno di non avere un esemplare affetto da velature o altro.


Riccardo hai ragione, ma parlo di quello del 1932 senza trattamento antiriflesso e mi sta dando foto piacevolmente morbide, mentre quello della IIIF del 1954 è decisamente più inciso

Avatar utente
Riccardox
Moderatore
Messaggi: 7091
Iscritto il: mer mag 07, 2008 2:41 am
Località: Trieste

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Riccardox » mer set 13, 2017 3:48 pm

Quello del 1932 in pratica è un Tessar modificato per cui morbido non può essere.
L'assenza di trattamento anti-riflesso lo rende ancora più contrastato.
Potrebbe avere velature interne, difficili da vedere, oppure che a te la classica resa dell'Elmar sembri morbida.
C'è da dire, come dici tu, che a volte le vecchie lenti anche se velate o altro danno piacevolezze così come sono, senza farci sentire il bisogno di farle pulire.
Attenzione però che la lubrificazione delle lamelle dell'otturatore andrebbe fatta.
Riccardo
riccardox.2@libero.it
http://riccardomasi.tumblr.com/

I work by impulse. No philosophy. No ideas. Not by the head but by the eyes.
Instinct is the same as inspiration.

Manuel Alvarez Bravo

Avatar utente
Ivan61
Messaggi: 2240
Iscritto il: mar mar 22, 2016 1:35 pm
Località: Merano
Contatta:

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ivan61 » mer set 13, 2017 5:09 pm

prabolin ha scritto:Buongiorno a Te Ivan, non conosco i chimici di ArsImago ma con la PanF uso sempre proprio il Rodinal, sviluppo normalmente con diluizione 1_50 a venti gradi per 11 minuti, 9.30 quando il rullo è esposto con scene contrastate.
Non credo sia il tipo di obiettivo a determinare l'entità dello sviluppo quanto piuttosto la differenza di contrasto delle scene impresse; ... è la mia opinione, naturalmente!

roberto


Grazie userò questo sviluppo allora

Avatar utente
Ivan61
Messaggi: 2240
Iscritto il: mar mar 22, 2016 1:35 pm
Località: Merano
Contatta:

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ivan61 » mer set 13, 2017 5:11 pm

Riccardox ha scritto:Quello del 1932 in pratica è un Tessar modificato per cui morbido non può essere.
L'assenza di trattamento anti-riflesso lo rende ancora più contrastato.
Potrebbe avere velature interne, difficili da vedere, oppure che a te la classica resa dell'Elmar sembri morbida.
C'è da dire, come dici tu, che a volte le vecchie lenti anche se velate o altro danno piacevolezze così come sono, senza farci sentire il bisogno di farle pulire.
Attenzione però che la lubrificazione delle lamelle dell'otturatore andrebbe fatta.


Grazie Riccardo, le lamelle sono state lubrificate.

Per la resa vedo parecchie differenze di resa fra quello degli anni 30 e quello anni 50 che equipaggia la IIIF

Avatar utente
Riccardox
Moderatore
Messaggi: 7091
Iscritto il: mer mag 07, 2008 2:41 am
Località: Trieste

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Riccardox » mer set 13, 2017 5:13 pm

Possibilissimo che ci siano differenze, come ho detto se ti piacciono così lascia le cose come stanno.
Riccardo
riccardox.2@libero.it
http://riccardomasi.tumblr.com/

I work by impulse. No philosophy. No ideas. Not by the head but by the eyes.
Instinct is the same as inspiration.

Manuel Alvarez Bravo

Avatar utente
Ivan61
Messaggi: 2240
Iscritto il: mar mar 22, 2016 1:35 pm
Località: Merano
Contatta:

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ivan61 » mer set 13, 2017 5:13 pm

Ottavio_Colosio ha scritto:In quali condizioni di luce hai scattato? Esposto per le ombre?
Intendo se all'aperto o al chiuso, sole o nuvoloso..la PANf50 come tutte le pellicole a bassa sensibilita', ha un contrasto piuttosto alto, quindi se usata in pieno sole tende a fornire risultati piuttosto ostici.. . Tieni conto che la sensibilita' effettiva e' ben al di sotto della meta' dichiarata.
L'ideale sarebbe il Perceptol ma in sua mancanza l'FD Ars potrebbe andare..bisogna capire in che condizioni di luce hai scattato..cosa intendi per RD09?
La famiglia R09 e' piuttosto larga,,


Pieno giorno

Avatar utente
Ottavio_Colosio
Messaggi: 3493
Iscritto il: lun feb 14, 2011 10:12 pm
Località: Bergamo/Milano

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ottavio_Colosio » mer set 13, 2017 5:37 pm

Quindi aspettati un negativo decisamente contrastato, il diluire lo sviluppo e' una via per mitigare il contrasto di questa pellicola.
Non sono un fan di diluizioni eccessive o stand ma in alcuni casi puo' aiutare.
Saluti

Ottavio

____________________

Matematicamente parlando, la fotografia e' un'applicazione lineare da R3 in R2

Avatar utente
Ivan61
Messaggi: 2240
Iscritto il: mar mar 22, 2016 1:35 pm
Località: Merano
Contatta:

Re: PANF 50 e Ars Imago

Messaggioda Ivan61 » mer set 13, 2017 7:02 pm

Ottavio_Colosio ha scritto:Quindi aspettati un negativo decisamente contrastato, il diluire lo sviluppo e' una via per mitigare il contrasto di questa pellicola.
Non sono un fan di diluizioni eccessive o stand ma in alcuni casi puo' aiutare.


Ovviamente ed è per questo che chiedevo consigli, per svilupparlo nella giusta maniera


Torna a “CAMERA OSCURA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite