L'occhio del Fotografo

qui si parla di libri da leggere e film da vedere e si possono scaricare le nostre pubblicazioni

Moderatori: Emilio Vendramin, Riccardox, Massimiliano Liti, Michele Azzali, sergio frascolla, Marco Pampaloni

Avatar utente
Marco Bottazzi
Messaggi: 497
Iscritto il: sab lug 28, 2007 6:54 pm
Località: Modena
Contatta:

L'occhio del Fotografo

Messaggioda Marco Bottazzi » lun lug 21, 2014 8:45 am

L’occhio del fotografo
John Szarkowski

Approfitto anch’io di questo spazio gentilmente concesso da LPF, iniziando con un classico della saggistica sulla fotografia.


“L’occhio del Fotografo” è il titolo di una mostra inaugurata nel 1964 al Museum of Modern Art di New York, dalla quale nasce l’omonimo libro, edito per la prima volta nel 1966.

Scritto da John Szarkowski, autentico “mover and shaker” nel campo della fotografia, scelto da Edward Steichen come suo successore alla guida del dipartimento di Fotografia al MoMA di NYC dal 1962 al 1991, farà conoscere in questo periodo al grande pubblico, fotografi allora relativamente sconosciuti come Diane Arbus, Lee Friedlander, Garry Winogrand. E romperà gli schemi (causando non pochi mal di pancia ai critici di allora) portando nel 1976 dentro le mura del santuario dell’arte moderna le fotografie a colori (prima volta al MoMA) di un fotografo sconosciuto di Memphis: William Eggleston.

Pur avendo quasi cinquant’anni, “L’occhio del Fotografo” è un testo ancora attuale e fondamentale per capire la nascita e lo sviluppo della fotografia nei suoi primi 125 anni (tale è il tempo coperto dalle immagini riprodotte nel libro, tutte in bianco e nero).

Szarkowski, riconoscendo la fotografia come arte (e accennandone il rapporto con le altre arti soprattutto la pittura), ne analizza la diffusione ed il percorso, insistendo sul suo carattere “democratico”, sia nei confronti di chi la pratica (fotografi professionisti o dilettanti), sia per i soggetti fotografati (oggetti talvolta banali che perché fotografi diventano importanti).
Ed è proprio questo suo carattere democratico, rispetto alla pittura, e la grande diffusione, che la fotografia diventa un mezzo per scoprire le infinite forme del “reale”.

Il libro si divide in cinque sezioni (La cosa in sé, Il particolare, L’inquadratura, Il tempo, Il punto divista) nei quali Szarkowski analizza il lessico condiviso di queste immagini (che sono di autori famosi, altri meno, altri ignoti, accostati insieme): quello della Fotografia.

Scheda del libro:
Titolo: L’occhio del Fotografo
Autore: John Szarkowski
Editore: 5 Continents (2007)
Prezzo di copertina € 35,00
Allegati
L'occhio del Fotografo.jpg

Torna a “CONSIGLI DI LETTURA E VISIONE”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite